Intervista ad Ilenya: “#cipensoioame? In questo momento può essere un messaggio di forza esteso a tutti noi!”

Ilenia Smedile, in arte Ilenya, di origine siciliana, nasce a Milano il 20 Ottobre 1989.
Inizia a studiare pianoforte a 8 anni, per poi proseguire gli studi di canto, recitazione e interpretazione con il maestro Gianluca Valenti.
Nel 2015 frequenta il corso di Didattica del Canto Moderno presso il Vms di Milano di Loretta Martinez, dove approfondisce lo stile e il linguaggio musicale, l’ear training, l’armonia, il pianoforte e l’interpretazione.
A Giugno 2019 esce il suo primo singolo, “Fra il cuore e una nuvola”, scritto insieme a Luca Sala, autore fra gli altri di Eros Ramazzotti, Emma Marrone, Tiromancino e Spagna.
A Dicembre 2019 pubblica una versione adattata in lingua italiana del brano “Writing’s On The Wall” di Sam Smith, dal titolo “È scritto dentro me”.
Ilenya è anche autrice per altri giovani artisti: con Luca Sala ha scritto testo e musica di “Abitudine” di Greta Giordano, concorrente alle selezioni di Sanremo Giovani 2018 e semifinalista a The Voice of Italy 2019. Attualmente sta già lavorando ai prossimi inediti con un occhio a Sanremo Giovani.

Il 6 Marzo 2020 pubblica il nuovo singolo #cipensoioame, scritto in collaborazione con Daniele Piovani e Massimo Tornese, è interamente auto-prodotto ed indipendente.
Il brano, volutamente pubblicato in prossimità della festa della Donna, trasmette un chiaro messaggio rivolto all’universo femminile, troppo spesso bersaglio facile di questa società, un invito a trovare la forza ed il coraggio di reagire e a non arrendersi mai.

Se volete conoscerla meglio, continuate la lettura!

Photo credits: Ilenya

Ciao Ilenya, presentati ai nostri lettori.
«Sono Ilenya, una cantautrice di Milano di origine siciliana.
Ho iniziato a studiare musica sin da piccola, partendo dal pianoforte e proseguendo con il canto.
Oggi rappresenta la mia più grande passione, nonché il mio lavoro.»

Da quali riferimenti artistici sei partita?
«Sono cresciuta con la voce di Whitney Houston, ma non nego che in casa si ascoltasse, frequentemente, Mina e Battisti, ai quali mi sono ispirata molto.
Lo scorso Dicembre, infatti, ho voluto realizzare “Da Mina a Battisti per arrivare a me”, uno spettacolo che raccontava un po’ il mio percorso musicale.»

Secondo te quali sono le caratteristiche per definire, oggi, un cantautore moderno?
«Credo che, oggi, un cantautore debba mantenere viva l’attenzione sul significato del testo e sulla bellezza della melodia della canzone, rispettando i tempi che, inevitabilmente, richiedono un minimo e indispensabile compromesso artistico.
L’importante è non cadere nell’errore di dover seguire le mode del momento, ma cercare il più possibile di mantenere la propria identità.»

Photo credits: Ylenia

C’è qualche artista della nuova generazione con cui, invece, vorresti duettare?
«Mi piacerebbe una collaborazione con Mahmood, mio carissimo amico con cui ho frequentato la stessa scuola di musica, sotto la guida dell’insegnante Gianluca Valenti.
Ma non solo, adoro Elisa e Levante e non nego che sarebbe un sogno poter duettare anche con loro.»

È appena uscito il tuo nuovo singolo “#cipensoioame”, una dichiarazione di intenti e una forte presa di coscienza. Qual è il messaggio che vuoi trasmettere?
«#cipensoioame è stato pubblicato volutamente il 6 Marzo, in prossimità della festa della Donna, e trasmette un chiaro messaggio rivolto all’universo femminile, troppo spesso bersaglio facile di questa società. Un invito a trovare la forza ed il coraggio di reagire e a non arrendersi mai.
Forse, in questo momento, può essere un messaggio di forza esteso a tutti noi.»

Qual è l’aspetto della tua produzione musicale di cui vai più fiera e quello che, invece, vorresti migliorare?
«So di non essere arrivata e di avere, ancora, tanto da migliorare, ma sono convinta che se uno sta bene con se stesso ed è convinto del proprio lavoro, riesce a trasmettere emozioni a chi lo ascolta.
Di certo tutto quello che faccio lo faccio col cuore!»

Ci racconteresti il momento migliore della tua carriera?
«Mi sento di dire che questo è il momento migliore della mia carriera: sono molto contenta di aver trovato la mia identità e, dopo tante porte sbattute in faccia, qualcuno ha iniziato a credere in me e nel mio progetto.»

E il treno che, invece, non hai preso?
«Il treno che non ho preso si è rivelato essere la mia fortuna di oggi, poiché si trattava di una delle tante illusioni prive di fondamenta, troppo spesso ricorrenti nel campo della musica e non solo.»

Sappiamo che, in questi giorni, hai aderito all’iniziativa #andràtuttobene e #iorestoacasa, regalando ai tuoi fan un live streaming direttamente da casa tua. Come pensi cambierà la fruizione musicale quando questo periodo sarà finito?
«Il momento che stiamo attraversando non è di certo piacevole.
Ogni giorno che passa, purtroppo, non mi arrivano notizie positive: molti di noi artisti stanno vivendo un periodo di stallo e, a volte, veniamo criticati per i live streaming dedicati ai nostri follower.
Questo può sembrare “superficialità” ma non è così! 
Per quanto mi riguarda, la musica è condivisione e, molte volte, aiuta a distrarre e a superare momenti difficili della vita.
Questo momento, inoltre, ci sta facendo capire quanto lo smart working sia alla portata di tutti i giorni e, quando questo triste periodo sarà finito, credo che continueremo a condividere momenti musicali live in streaming, perché è un modo per farci conoscere meglio.
L’importante è saper usare i social con criterio e nella giusta misura.»

Qual è il prossimo passo di Ilenia Smedile?
«Anche da casa, stiamo lavorando al prossimo singolo estivo. Sperando in tempi migliori, siamo proiettati verso Sanremo Giovani.»

Photo credits: Ilenya
Precedente Intervista ai Kafka Sui Pattini: "Il nostro genere musicale è un cocktail dal tasso alcolico elevato, siamo come un mojito!" Successivo Intervista a Stefano Gurioli per il nuovo singolo “Stelle cadenti”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.